INTER NOS SACERDOS…

Inter nos sacerdos no se ghe badatur”:
vi lascio alla facile traduzione di questa infamia linguistica (nata in Seminario o giù di lì, cento anni fa o giù di lì).

Era un latinorum così iperbolicamente strafalcionesco che neanche il più ignorante degli studenti potrebbe escogitarlo:
dunque la frase è stata coniata da qualcuno che se ne intendeva, che aveva l’algoritmo della stupidità linguistica spinta.

Ho notizia di questo detto pretesco sia da preti conosciuti confidenzialmente, sia e prima da mio padre nella mia infanzia:
un uomo colto cui sono debitore, in particolare anche del gusto per il latinorum terroristico come questo, e più in generale per le barzellette esponenzialmente stupide, così trascendentemente stupide da far gettare la maschera alla finta stupidità del loro inventore:
che è poi quella di un teatro popolare che non esiste più, come quello di Franco Franchi e Ciccio Ingrassìa tra altri.

Ma in questo caso, la frase che cosa significa?

Il fatto è che significa:
significa “Non è vero niente!”, detto dal prete che l’ha inventata.

É una delle cento frasi della perversione (Verleugnung, Freud), pronunciata con un sorriso d’intesa.

Questa frase è Storia.

Viviamo tutti di “Non è vero niente!”, e da secoli che saprei numerare.

La psicoanalisi è nata come replica a questo “Non… !”

Milano, 2 luglio 2007

 

THINK!
Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.