META SESSUALE E COMICA DRAMMATICA

Il cenno che sto per fare si vuole breve, per fare effetto di contrasto con le illimitate e insospettate conseguenze cui afferirebbe se sviluppato:
vige una Teoria che è un’istituzione del pensiero – non delle migliori -, diciamo un pilastro:
è quella che presuppone in natura una meta sessuale (maschile), ossia un finale orgastico preceduto da tutti i possibili antecedenti remoti e prossimi, comicamente detti “preliminari” (preliminare un bacio?, quale che sia).

É la Teoria di un dovere da assolvere verso la natura:
una tassa ancorché reputata gradevole, non a torto ma neppure di regola.

Va osservata, in questa Teoria, la coincidenza di oggetto e meta:
è dalla distinzione tra oggetto e meta che ha preso le mosse il Pensiero di natura, una distinzione che restava tutta da fare.

Ne soffrono anche le morali sessuali – che tali sono perché ne soffrono -, dalla più rigorista (pretesca o razionalista) alla più “libertina”:
non spendo l’aggettivo “moralista” perché lo sono ambedue (Kant è con Sade), ossia perverse.

Questa Teoria contamina di sé l’idea stessa di ricompensa (dopo tante fatiche… preliminari!).

Anche la Teologia ne è stata compromessa, con il delirio di un mistico orgasmo eterno, umano o divino:
se ne è accorto nella sua sagacia W. Allen (“Tutto quello che avreste voluto sapere…”).

Vi si associano le più triviali metafore calcistiche:
“goal!” con orgasmo da Stadio, comicizzato tanto da Sade quanto da A. Sordi.

Domanda:
chi poteva avere interesse a introdurre nel mondo una Teoria perfida che comporta perdita per tutti?

Altro è la Teoria dell’esistenza naturale del desiderio sessuale, altro è sapere che tutti i desideri sono sessuali, ossia dipendenti dalla differenza dei sessi:
ecco perché Freud ha chiamato sessuali le pulsioni, a partire da quella orale cioè dalla legge di moto del mangiare umano, in cui nessuno intravede la presenza della differenza dei sessi.

Ciò lascia libero non coatto il contingente e non naturale desiderio sessuale.

Com’era poco cortese, e anche poco intelligente, l’“amore cortese”, che si opponeva alla meta sessuale ma solo per fare di peggio.

Milano, 22 giugno 2007

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.