COMITATO DI SALUTE PUBBLICA

Sabato domenica 9-10 giugno 2007
in anno 151 post Freud natum

 

Lettura di:

S. Freud
Tecnica della psicoanalisi. Consigli al medico, § c
OSF 6

non quello di Robespierre ma di Freud:
la psicoanalisi (la tecnica psicoanalitica) è Comitato di Salute pubblica per gente che meriterebbe la ghigliottina (lo diceva già Amleto), ma che proprio grazie alla psicoanalisi non la meriterà più, né continuerà a imporla ad altri, che pure la meriterebbero.

Ho preannunciato questo articolo in quello di giovedì 7 giugno, da rileggere prima di questo, citando l’enigma di Freud che consentiva con il detto di Ambroise Paré:

Je le pansai, Dieu le guérit” (Io l’ho curato, Dio lo ha guarito),

oggi con una rettifica, anzi un’ equivalenza traduttiva:

“Io l’ho trattato (pansai da panser), Dio lo ha guarito”.

Ho già riferito la battuta di J. Lacan:

“Non voglio che mi si ami: voglio che mi si tratti bene”

(Je ne veux pas qu’on m’aime: je veux quon me traite bien : ecco il vero J. Lacan).

Equivalenza di curare-trattare-salvare-amare:
non c’è amore nella Medicina, anche se essa ci serve come ancilla:
nel caso della medicina io Medico dico volentieri “Viva la servitù” (con il che non incremento le mie amicizie tra i Colleghi medici, che si vorrebbero padroni della salute).

Che c’entra “Dio” con il miscredente Freud?

C’entra sì, non con il “Dio” dei Greci traditori, ma con il “Dio” – comunque lo si chiami, ma certo non “L’Essere” – del Libro detto Genesi.

Dividiamo quel detto o frase in due momenti, posti e persone (in essa è già così):
1° “Io l’ho trattato”.
la tecnica o “regola psicoanalitica fondamentale” contiene già le condizioni della guarigione, semplicemente perché le pone:
un’analisi è un rapporto validamente posto, salute già in atto, starà al paziente renderlo effettivo, o efficace.

La salute o normalità è:
non omettere (non aggredire), e non sistematizzare (non generalizzare l’aggressione), ossia una nuova concezione dell’ordine:
l’Ordine, se è, è giuridico non sistematico (“Sistema giuridico” è un ossimoro).

Sarò troppo conciso come altre volte:
è una regola di consistenza e innocenza.

Ancora più concisamente:

insieme, le due fanno l’affidabilità.

2° “Dio lo ha guarito”.

Qui “Dio” è il soggetto stesso “a immagine e somiglianza di Dio”:
che guarirà se entrerà motu proprio nell’Ordine della salute.

Tempo fa ho usato una frase-trappola:
“Non creda che io possa guarirLa (o curarLa, o amarLa…)”:
il fatto è che La amo curo guarisco solo ponendone le condizioni, in quanto già valide e efficaci per me (Freud vi ha insistito molto).

Ciò è vero anche per “Dio”, quello con cui simpatizzo da sempre:
Dio non salva, cura, guarisce, ama, ma pone delle condizioni, in seguito alle quali si potrà simpatizzare con lui (come Giobbe) nell’amore e nella salute.

Nella psicoanalisi si realizza il detto antico e moderno:
Homo homini Deus”.

Ambrosie Paré metteva ancora del fideismo là dove noi (psicoanalisti) non ne abbiamo più bisogno:
e non per rifiuto di credere all’innocente e non contraddittorio.

Milano, 9-10 giugno 2007

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.