LO HANDICAP UNIVERSALE

Sabato domenica 12-13 maggio 2007
in anno 151 post Freud natum

 

Lettura di:

S. Freud
Poscritto allaQuestione dell’analisi laica” (male tradotta “dei non medici”)
OSF 10

Di questo drammatico e politico testo che consiglio di leggere per intero, una frase parecchi anni fa (1977, “La tolleranza del dolore, Stato Diritto Psicoanalisi”) mi ha guidato, forse aldilà delle sue intenzioni:
“Non sarebbe più economico sorreggere il difetto dall’esterno piuttosto che riformare dall’interno? Non so dirlo, ma…” [sottolineature mie].

Nel mio lungo lavoro l’“esterno” è diventato il Pensiero di natura come pensiero a pieno titolo nella Storia del pensiero, ricapitolativo della psicoanalisi come trattamento individuale o l’“interno” freudiano:
io li ho portati sullo stesso piano (niente sfera o contenitore/contenuto) e alla medesima dimensione (niente grande/piccolo né collettivo/individuale, il Diritto non è il Collettivo).

Nell’antichità è stata introdotta la “corrispondenza” occultista Microcosmo-Macrocosmo:
ma questa corrispondenza brutale (non di “amorosi sensi”) esiste solo nella patologia, ossia quando il mondo è uno schifo:
in cui il “piccolo” si rifà, vandalicamente ma sinergicamente, sul “grande”:
micro- e macro-cosmo sono complici anche nel terrorismo.

Osservo ciò che tutti sanno, ossia che il terrorismo obbedisce a Ideali (sono gli Ideali che sono terroristici?: io penso di sì):
come si vede la Filosofia anche speculativa è sempre molto pratica.

Il Pensiero di natura libera la psicoanalisi, già avversa all’occultismo (“profondo”), da residue tentazioni.

Sto parlando – da decenni – della prima iniquità della Storia:
quella che nel linguaggio giuridico corrente è chiamato pulitamente “persona fisica” distinta dalla “persona giuridica”: ecco lo handicap universale:
poi gli handicappati ricevono i “diritti umani”, ma sempre e solo come handicappati:
riparlerò del diritti umani come piatto di minestra per i poveri.

Si tratta di distinguere Mondo da Universo:
Mondo significa paranoia (“Il mondo che mi circonda”), almeno per le sue dimensioni grande/piccolo:
mentre le dimensioni dell’Universo (non fisico) non sono superiori a quelle della mia scatola cranica.

Lavoro, con Freud, per l’uomo senza lo handicap universale del “micro” (microcefalo: i microcefali sono cattivi).

Il pensiero individuale può essere Istituzione non meno delle massime Istituzioni.

Questo handicap è l’essenza dell’infantilismo: l’idea di una “grandezza” superiore alla mia (per esempio quella delle stupide galassie):
nemmeno la grandezza di “Dio”: se “Dio” è quello che ritengo di sapere e che mi hanno insegnato, non mi domanda di meglio:
allora la pittura barocca ha sbagliato tutto: l’uomo come l’inferiore o l’handicappato di “Dio”, o il suo bambino (ecco il Dio-Mamma-Beatrice).

Noto che la superbia è una conseguenza  di questo infantilismo, e che la modestia è conseguenza della sua caduta:
se nulla mi è superiore, a nulla e soprattutto nessuno sono superiore.

Non faccio svalutazione ma fine della sopravvalutazione.

Non concedo nulla a un’astratta idea di universalità, e tantomeno di cosmopolitismo:
si tratta del pensiero quando è economico, giuridico, logico.

A “adulto” preferisco “laico”: titolo di Freud (“La questione dell’analisi laica”, 1926) che va unito al fatto che il bambino è modello insuperabile di laicità, che gli adulti hanno nel meno grave dei casi rimosso, e che nel migliore dei casi potranno riscattare.

Milano, 12-13 maggio 2007

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.