L’UMORISMO NERO DI J. LACAN, E LA GALLINA

Il lacaniano “Tesoro del significante” significa urna funeraria, anzi peggio, sepolcro imbiancato con vermi dentro:
dunque è un’espressione colta per una realtà miserabile (Freud diceva “armer Teufel”, povero diavolo).

Non si capisce J. Lacan senza coglierne la dimensione di umorismo nero, confinante con la melanconia.

Quel Tesoro è anche il “Tessorro mio!” di Gollum nel “Signore degli anelli”.

É il tesoro delle Teorie, identico nella nostra testa e nella Cultura.

Nessuna delle due è più “grande” dell’altra:
il che, poiché con questo tesoro abbiamo un cervello di gallina, la dice lunga sulla grandezza della Cultura.

L’uomo colto non è figlio della Cultura, né d’altronde della Natura:
Natura e Cultura non fanno figli.

E non fanno ricchezza: quello è il Tesoro dei poveri.

Per esso non c’è pietà né carità possibile:
approfittando ancora di Tolkien, diciamo che il Regno di Mordor – né magico né mistico ma logico a rovescio con produzione di occultismo – si espande, e noi lo abitiamo, poco coltamente.

Milano, 18 aprile 2007

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.