TOLKIEN E CRISTO

É il vulcano in cui è stato fatto: dunque fare che sia dis-fatto ciò che è stato fatto (antica citazione).

Osservo subito e facilmente che è una soluzione banale, idiota perfino, e proprio questa banalità non deve sfuggirci: quella della grandezza, della potenza (fisica).

Non ho detto che Tolkien è banale, bensì che mette in scena la banalità risibile dell’onnipotenza fisica.

Non occorre esaurirsi in sforzi intellettuali per capire che il legame di “amore” dell’anello è quello, istupidente e debilitante fino alla melanconia e alla deformità fisica, dell’innamoramento:
chi è legato dall’anello “perde la testa”, definizione corretta e anche popolare dell’innamoramento, un mostro alla lettera come i mostri di Tolkien, analogo non identico a un fenomeno fisico (la malefica freccia di Eros, mentito rapporto causa-effetto).

La melanconia (Freud: “Lutto e melanconia”) è una se non la conclusione sull’amore mentito.

Digressione ricapitolativa di cento cose già dette.

la speculazione filosofica di ogni tempo è preceduta e condizionata da un pensiero sull’amore (almeno Platone, nella sua disonestà, in ciò è stato disonestamente onesto);
la “Psicologia delle masse” di Freud – nel suo riconoscere nell’innamoramento una massa a due cioè un’associazione per delinquere – è una delle principali opere della storia della Filosofia.

Per concludere.

Nel suo semplice e semplicistico appellarsi all’onnipotenza (del vulcano), Tolkien coglie la pecca storica della Teologia di tutte le religioni:
la parola “onnipotenza” è impotente nell’afferrare la soluzione, cioè la differenza tra banale potere sulla natura e potere logico di soluzione:
qualificare l’onnipotenza come “divina” e “misteriosa” è un puro espediente verbale, finché non si riveli la differenza di pensiero: se Dio non sa pensare la soluzione, cioè se non è affidabile per la sua intelligibilità, è solo il vulcano dei vulcani (robetta muscolosa!)

“Vulcano”: occultismo, panteismo, misticismo, banalità (come le galassie).

L’occultismo inizia dall’occulto “perdere la testa” in cui consiste l’innamoramento.

Ma chissà poi perché tocca in sorte proprio a me, freudiano, psicoanalista, farmi campione dell’ortodossia: lo osservo da anni.

“Cristo” – anteriormente a divinità e perfino storicità – risponde a Tolkien:
con un risposta razionale, e senza mutuazione da una Ragione avvelenata dall’anello di Tolkien come quella greca: infatti dell’amore con le sue catastrofi si parlava già da molto molto tempo.

La condizione per non gettare Cristo nell’immondizia delle santonerie e delle profeterie, è quella di riconoscerne il pensiero come inaudita correzione dell’amore mentito da sempre.

Noi cristiani, e tutti gli altri, ci siamo cascati fin dal secondo giorno: è l’unico errore che abbiamo commesso (in paragone le Eresie sono secondarie, nel senso di derivate).

Tutte le patologie sono patologie dell’amore, e così tutti gli errori.

Milano, 29 marzo 2007

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.