DICO: PANSESSUALISMO!

Erano bei tempi quando noi psicoanalisti venivamo accusati di pansessualismo: prendevamo su di noi questo peccato dell’umanità malata (come suoi curanti), ma ne venivamo accusati.

Io e Colleghi chiamiamo questo peccato “sessual-ità”, che non designa affatto i sessi ma la Teoria plurimillenaria e ubiquitaria che in natura esisterebbe una causalità sessuale detta “istinto”: è solo un caso di diffamazione delle persone sessuate, ossia di tutti.

L’errore “sessual-ità” è entrato in Parlamento e nelle piazze: non doveva ma è successo, e ciò dovrebbe ammaestrarci.

In fondo la forza della Teoria gay è proprio questa Teoria, in quanto sostenuta e praticata acriticamente anche nel fronte opposto, considerato e “stimato” come moralmente ineccepibile: imprevista coincidentia oppositorum.

Dico da molto tempo che i sessi, per essere vivibili, non devono avere voce in capitolo (ossia figurare positivamente nella legge) in quanto tali: la Cultura gay ha prodotto il passaggio alla voce in capitolo.

Colui che ha detto “ama et fac quod vis” ha visto logicamente giusto: “ama” – qualsiasi cosa significhi, e questo significato è oggi più oscuro di ieri – sta per una condizione tale che allora (se-allora) si potrà (moralmente) fare qualsiasi cosa di qualsiasi cosa, sessi compresi, senza eccepibilità.

La recente manifestazione pro i Dico-Pacs (ma se fosse stata contro sarebbe stato lo stesso) è stata semplicemente un atto di pornografia di massa politicamente trasversale (le femministe del passato, con pollici e indici minacciosamente congiunti e sollevati, erano più proponibili e perfino gaie):
ricordo un comics pornografico di anni fa che rappresentava una città con vie e piazze gremite di folla in tutte le possibili varianti porno, e questa rappresentazione era più gaia della suddetta cupa manifestazione.

C’è poi il fatto (ci verrò prossimamente) che la sessualizzazione pubblica – condivisa dai fronti opposti – dei Pacs-Dico è un caso di iniquità sociale di massa:
i Pacs – a condizione che non vengano sessualizzati – potrebbero essere per milioni di persone un’occasione di risparmio (affitto, bollette,…), cioè di autofinanziamento, a buon fine tanto individuale quanto sociale (come minimo aumenterebbero i consumi).

Sarebbe un importante caso di spostamento del Diritto a favore dell’individuo-imprenditore, dunque una quarta categoria rispetto alla consueta terna: Grandi-Medie-Piccole imprese.

Questo spostamento, la Civiltà che conosciamo non lo vuole, oppure non ne è capace.

Volere?, capacità?: ecco un caso di incapacità di volere (e, va da sé, di intendere).

Milano, 12 marzo 2007

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.