VITA È PENSIERO

Vita è pensiero: un semplice accento (“è” invece che “e”, tutt’altro che l’“essere o non essere” di Amleto) fa tutta la differenza tra la vita e la morte:
il corpo morto (corpse in inglese) è tale perché non ha più pensiero, questo non anima più un body.

C’è corpo, non cadavere, quando il pensiero lo anima, ne legifera la legge.

La distinzione tra anima e pensiero, la più antica vessazione dell’umanità, deve cessare.

Ma non penso che cesserà, se non nel pensiero di alcuni: se vogliamo sperare, è meglio ripartire dal disperare, o dal cessare di pensare la speranza come un bisogno.

La psicopatologia, aldiqua della morte, è l’incertezza del pensiero in quanto legislativo (come si dice “incertezza del diritto”), il suo dis-orientamento istituzionale, il suo smarrimento o perplessità.

Presenza o assenza dell’accento è l’alternativa della Civiltà (non ricito Freud).

Per caricare i toni: che me ne farei di un’eternità da morto?, o di una resurrezione da idiota assoluto?, ossia con un corpse delirato come intatto di cui viene dolosamente o almeno sarcasticamente delirata un’anima?

Faccio lo sconto a Platone: era un sarcastico, forse non proprio doloso, in ogni caso un tentatore, ma di successo.

Milano, 15 febbraio 2007

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.