SPAZZATURA E “SOCIALE”: LA SCARITÀ

Si dice “lavorare nel sociale”.

Una persona che ricevo mi ha riferito un suo lapsus di lettura:
di fronte a un contenitore della spazzatura recante la scritta “Scatole”, aveva letto “Sociale” (nel suo lavoro ha a che fare con quel bravo “Sociale”).

Si è ben guardata dal biasimarsi per il lapsus, al contrario lo ha condiviso, e io con lei.

Come vorrei che questo lapsus, e giudizio, fosse generale!, e ciò perché il pensiero che lo produce è universale (discuteremo un’altra volta di universale e generale).

Ciò che ammetto è soltanto che un piatto di minestra (ben cucinato) e un tetto (decente) non si rifiuta a nessuno (siamo lontani da un simile Welfare), ma non la frivola oppure malvagia illusione che il piatto e il tetto, magari conditi con psicologica gentilezza da operatori del “Sociale”, mobilitino qualcuno: potrebbero perfino incattivirlo.

Solo la ricchezza mobilita ossia genera salute e il desiderio di essa.

Per mobilitare e mobilitarsi alla salute bisogna porre in vigore il detto “a chi ha sarà dato, a chi non ha sarà tolto anche quello che ha”, avis aux amateurs.

E sapendo che senza questo non si può andare aldilà del piatto o del tetto: l’“aldilà” comunque inteso è di ben altra costituzione.

Quelli del “sociale”, pulitamente detti “ospiti”, loro sì che sanno, sanno che è una bugia, che sono degli scarti: scarità non vogliono.

Se sono spazzatura o rifiuti dell’Ordine pubblico, non li si chiami con altro nome: a questa condizione si potrebbe arrivare a farsi una nuova idea dell’Ordine pubblico medesimo, e di chi è incaricato di occuparsene.

Aldilà del piatto o del tetto la ragione dell’occuparsene, se non è già perversa in partenza, rischia di diventarlo alla fine: come tutte le “vocazioni” a curare poveri diavoli perché poveri diavoli (e in generale: a curare i malati perché malati: parlerò poi della Medicina).

I poveri diavoli non amano né apprezzano la miseri-cordia (l’amore è fatto di ben altra pasta: è cosa da ricchi), e finiscono, poveri restando, per specializzarsi come diavoli (consiglio: non date mai le spalle ai vostri presunti “ospiti”, che sanno riconoscere il sadismo della scarità).

Caso particolare: ho visto molti piatti di minestra ai “barboni”, e va bene, ma basta con la credenza nella figura del “Santo bevitore” di Joseph Roth, che è o una sciocchezza o una bugia.

Uno psicoanalista non fa la scarità: la scarta.

Milano, 12 febbraio 2007

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.