LA NEVROSI NEGATIVA DELLA PERVERSIONE, E LO PSICOANALISTA

Domenica 18 febbraio 2007
in anno 150 post Freud natum

 

Lettura di:

S. Freud
Tre saggi sulla teoria sessuale
OSF IV, 477 specialmente

Suggerisco di leggere il paragrafo “Nevrosi e perversione”, la cui distinzione è lo scibboleth della storia della psicoanalisi.

La conclusione freudiana “la nevrosi è la negativa della perversione” va riconosciuta tra gli enunciati maggiori di una Scienza moderna che si voglia tale: la fisica einsteiniana non le è scientificamente(-logicamente) superiore, benché posta in un alloggiamento distinto della Scienza.

Questa frase connota lo psicoanalista ben più che il consueto uso mollaccione della parola “inconscio” che lo riduce a inconscietà, a profondità rispetto alla superficie.

Si veda in particolare nel testo la distinzione linguistica tra “pulsione sessuale normale” e “sessualità anormale”: ebbene, ecco un esempio del fatto che il Pensiero di natura aiuta Freud (cioè opera nel suo medesimo senso) a risolvere certe sue difficoltà, per esempio quella suddetta:
è la “sessualità” stessa, l’“-ità” astratta dei sessi come Teoria di una sfera o di un istinto, a essere anormale (anormalità del pensiero).

La storia mondiale della morale, e dell’ambigua distinzione morale/etica, non ha mai saputo distinguere la perversione: e siamo sempre lì.

Il cristianesimo – cui continuo a restare iscritto e alcuni mi chiedono perché mai -, ha finora fallito proprio su questo punto: nel non sapere distinguere la perversione, e ciò malgrado i suoi enormi e plurisecolari sforzi di formulare una dottrina morale che tenga.

Nella sua storia si è arrivati fino all’educazione sadica delle masse cristiane, cattoliche o protestanti o “ortodosse”, per il fatto di rappresentare la pena come fisica (autos da fé pubblici, inferno di torture fisiche).

La “corruzione della gioventù” consiste nel persuaderla di avere istinti sessuali, o “sessualità”.

La Storia della civiltà è l’ignorata storia della distinzione reale tra nevrosi e perversione: sia nella Civiltà come astrazione superiore che nella vita personale ingannata da questo “superiore”.

Milano, 18 febbraio 2007

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.