CHE PIOLA DI FIOLA!

Si tratta del sogno in cui una ragazza rimprovera il fidanzato di trattarla come una “piola”: già nel sogno è noto che la lettera p sostituisce la lettera f iniziale di “fiola” cioè ragazza nel dialetto familiare alla sognatrice (dunque un piolo grammaticalmente femminilizzato).

Mi è facile ricordare il vecchio film “Rocco e i suoi fratelli”, in cui la madre dice al figlio: “Trovati una bella maschietta!”

Possiamo essere certi che tutti i Rocco del mondo troveranno delle maschiette, anche se la madre è una “terrona” illetterata come nel film: la sua epistemologia è superiore all’Epistemologia, e chissà che non ne dia la forma.

(Nel portarsi la Madonna in cielo, Dio doveva essere terribilmente sicuro del fatto suo, e anche di lei).

Nel rimprovero del sogno, cioè nell’insoddisfazione, è denunciato un errore del pensiero (di soddisfacente in questo sogno c’è l’esigenza di correzione dell’errore).

Ho appena accennato a due distinte fonti dell’errore, l’uomo e la madre: qui trascuro la loro articolazione (in cui non c’è padre, né nel padre né nella madre).

Dell’errore accennato si segnala la stupidità, ma incoercibile, e universale (non mi impegno ora con l’universalità, mi accontento dell’osservazione della sua notevole frequenza anche in intelletti non stupidi).

Il fidanzato cui è rimproverato l’errore potrebbe benissimo essere un navigato latin lover.

Inoltre non è l’esperienza percettiva del bambino, né dell’adulto, a metterlo sulla strada di un tale errore, che è dunque interno al lavoro intellettuale.

Tralascio una digressione sulla lingua tedesca e sulla funzione in essa del neutro “das”: già Freud osservava che in tedesco la ragazza si dice das Mädchen (così come il bambino di dice, sempre al neutro, das Kind: il neutro offusca la differenza sessuale nell’oggi e la rimanda eternamente al domani, omosessualità dell’Eternità).

Ci sono errori – che sarebbero comici se non fossero sanguinari – che si commettono per impotenza logica, o del pensiero (i Logici non hanno mai considerato il caso, e ciò non li avvalora).

Il mondo di questi errori, il Mondo in quanto questi errori, è il mondo del loro puntellamento reciproco: tutto si regge per puntelli (sulla “Dialettica”, sul “Sistema”, sullo “Spirito”, Hegel si illudeva).

Rifiuto di spiegare il modo di produzione di questo errore: perché dovrei lavorare solo io?

Solo una parola sull’universalità dell’errore: potrebbe non essere commesso?

L’accento va posto non sulla stupidità dell’errore, ma sull’invincibilità del suo rigoroso modo di produzione.

Noi passiamo la vita a stupidamente contraddirci – “noi” sia del popolo che dell’inclita, interclassisticamente -, e ad offenderci se qualcuno ce lo fa notare.

Freud ha trovato la via per evitare l’offesa mantenendo l’imputazione.

Milano, 23 febbraio 2007

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.