CARNEVALE E CLERICALISMO UNIVERSALE

Oggi è Carnevale:
la cui mascherata serve solo a mascherare che è tutto l’anno a essere una mascherata.

É finta su finta.

Carnevale è la festa della preposizione, che chiamerei tipologica, “da”, predicato dell’ente:
“da” uomo, “da” donna, “da” intelligente o almeno “da “ intellettuale, “da” scemo, “da” prete, “da” laico, “da” religioso… (la lista è lunga).

Il tutto nobilitato seicentescamente come “gran teatro del mondo”.

Tra le pecche delle chiese c’è di avere vestito il prete “da” prete, cui è seguita la faccia “da” prete e il linguaggio “da” prete (fenomeni arcinoti).

Ma il clericalismo non è specialmente né anzitutto dei preti: è il mondo del “da”, la tipologia (o la patologia, lo ripeto da anni).

Una prostituta non è meno clericale, perché opera “da”: è solo un’Orsolina “da” strada (lungi da me dal biasimare le Orsoline, purché non siano “da”).

La lista prosegue in “da” professore universitario, so cosa dico: J. Lacan diceva “Discorso universitario”, ancora lontanissimo dall’essere compreso perché tale Discorso non comporta né l’essere colti né l’essere universali.

E poi c’è “da” Dio, ancor meno compreso ma tant’è, credenti e non credenti continuano a praticare il “Discorso divino” con l’aiuto dei Greci: carnevalata divina di lunghissimo periodo.

L’infantilismo adulto ha inventato la tipologia-patologia “da” bambino.

I sessi non riescono a uscire dalla mascherata sessuale: è come mascherata che è omosessuale (anche nell’eterosessuale), insomma tutti balli in maschera.

Ho già ricordato più volte che J. Lacan ha chiamato “semblant” la mascherata del “da”.

Ricordo un fumetto dei primi anni ’70:
Marylin Monroe su un palcoscenico fa strip: prima si toglie gli indumenti, poi la pelle e resta lo scheletro, poi lo scheletro e resta niente, ma non è finita: poi si toglie… niente e ricompare lo scheletro, poi si toglie lo scheletro e ricompare il corpo nudo, poi si toglie il corpo nudo e ricompare… Marylin.

Tollero il “da” medico (camice) quando si tratta di esercizio stretto della professione: il clericalismo è il camice (anche “da” prostituta, che anche nuda indossa il camice “da” prostituta) fuori dal suo limite stretto.

É l’assenza o presenza del “da” a distinguere lo psicoanalista dallo psicoterapeuta: lo psicoanalista è la speranza che tutto l’anno non sia più una mascherata.

Dal clericalismo carnevalesco del “da” è esautorato, destituito, de-istituito, il pensiero in quanto elaborante, fruttifero, senza limiti.

(Parlo del pensiero in quanto Istituzione, ma proseguirò domani).

Milano, 24 febbraio 2007

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.