OLFATTO: PROFUMI O DEODORANTI

Tengo a segnalare, come per la maggior parte di questi articoli, che quanto segue è lo sviluppo del tema di una seduta odierna, in altri termini: scrivo come il mio stesso paziente potrebbe fare (e allora perché non lo fa?): la seduta psicoanalitica si nutre di universo.

Combatto da tempo una battaglia linguistico-etimologico-filosofica per sostenere che “adolescenza” proviene dal latino oleo (odorare come dare odore) nel frequentativo olescere ossia – ma questo lo concludo io – profumare come si dice di un fiore.

Il partito opposto è già schierato: “olezzo”, il “non olent” vespasiano.

Questa battaglia meriterebbe un saggio di storia della lingua, compreso il latino e anche il greco antico, nei suoi rapporti con la storia della filosofia a partire da Platone (il “Bello”).

Ciò premesso proseguo. Il prefisso ad– sottolinea l’azione del propagare profumo: mi riferisco agli effetti olfattivi del mutamento endocrino di una certa età, che sono registrati – anzi: registrabili ma con opposizione – come profumo.

Ciò anche nei ragazzi, ma per ragioni esplorabili esso è maggiormente avvertito nelle ragazze.

I genitori – come chiunque, compreso il compagno di banco – se ne accorgono, ma non sempre con favore.

Forse la madre di Biancaneve ha iniziato a odiarla in modo esplicito proprio in quel momento, imputando alla figlia ad-olescente un cattivo odore da deodorare.

Sorge l’alternativa, tanto quotidiana quanto etimologico-filosofica:
se profumo allora bene (e bello);
se cattivo odore allora deodorante, con confusione tra deodoranti e profumi (ho conosciuto pochissimi che abbiano netta le distinzione, anche nella haute che consuma profumi molto costosi).

Al figlio o figlia che ci casca resta solo una povera alternativa minore, tra una vita di deodoranti e l’ancora peggiore adol-essenza (“o la borsa o la vita”), ossia il puzzolente Narciso.

Gli adol-essenti radicali non sono ad-olescenti, puzzano e basta: Narciso è il testimonial mitico, mistico e plurimillenario dell’essenzialismo, il “bello dentro” che olezza nel suo piscio in cui si specchia (vedi l’articolo “Bello dentro” del 9 gennaio, e passim).

La “femmina balba” di Dante  è la fanciulla in quanto da deodorare: e Beatrice è solo una deodorata (Purgatorio, 19, 7-33: “mostravami ‘l ventre; / quel mi svegliò col puzzo che n’uscìa”, sottolineatura mia): Beatrice è solo una deodorata, e prima ancora abbiamo deodorato la Madonna di Luca 1 (non abbiamo deodorato la “Maddalena”, ma solo a condizione di delirarla come prostituta a fin di bene, del che all’Inferno stanno ancora sghignazzando, e le prostitute anche).

Conosco genitori che chiamerebbero la figlia “Deodorata”, e così il figlio.

La posizione del trattino distingue il principio di piacere, che è giudizio (profumo), dalla Teoria (olezzo), che decapita il giudizio, ossia fa da epi-stéme (cioè sopra-stante) che opprime e uccide il giudizio.

La parola “bello” segue nella storia la medesima distinzione: nel secondo caso sovrasta fin che morte non sopravvenga.

Do importanza primaria all’olfatto (indicazione già di Freud), e proprio come giudizio e facoltà primaria di esso.

La vecchia canzone di Claudio Villa, “Profumi e balocchi”, interpretava bene la cultura sudaticcia che precede il sudore fisico: negava che al bambino importano poco i balocchi, ciò che gli importa è la mamma bella.

C’è più peccato originale nella cultura sudaticcia che nel biblico “sudore della fronte”: diciamo allora “Mi puzza” tale cultura, quella dell’adol-essenzialismo

Questo articolo pesca lontano nella storia della mia vita: da bambino adoravo il profumo di incenso, allora molto usato in chiesa.

Per me era e resta un profumo, e ne respingo l’interpretazione esclusiva come di un deodorante dai cattivi odori del “popolo” nel Tempio: che invece andrebbe deodorato anzitutto dall’ordinaria cultura del suddetto popolo (una cultura che da sempre accomuna destra e sinistra).

Ancora oggi detesto nel ricordo quella madre che disse di “adorare il puzzo del suo bambino”: chissà se è diventato autistico?

Pulsione olfattiva, pulsione uditiva, pulsione verbale: queste le ho inventate io (con orgoglio).

Nel bambino piccolissimo è palese la facoltà di distinguere tra suono e rumore, anche nella voce dei genitori (ho molto materiale al riguardo che non ho ancora ordinato).

Milano, 16 gennaio 2007

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.