NON NOMINARE IL NOME DI DIO INVANO

Domenica 14 gennaio 2007
in anno 150 post Freud natum

 

Lettura di:

S. Freud, Il disagio della civiltà, OSF 10

Predica

Non nominare il nome di Dio invano

“Verrebbe voglia di mescolarsi alle schiere dei credenti [quelle della Vienna cattolica degli anni ’20 del secolo scorso, NdR] per rivolgere, ai Filosofi che credono di salvare il Dio della religione sostituendolo con un principio impersonale, oscuro e astratto, il monito ‘ Non nominare il nome di Dio invano! ’ ”

Greci & Associati.

Ma non preoccupiamoci!, continueremo cretinizzati per i prossimi millenni: la nostra angoscia è sedata e, al contempo, assicurata.

Poi c’è chi lamenta che le analisi sono lunghe: ma non sono lunghe, esse combattono un’impari battaglia contro il lunghissimo cattivo infinito, l’infinito cattivo (che è quello della psicopatologia).

“Taglia!”, si dice popolarmente, o anche: “Che cretino sono stato!”: una verità che il “pensiero critico” ha sempre rifiutato, in nome dell’“autocritica”, comunista o no, facendosi acritico o ipocrita.

Milano, 14 gennaio 2007

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.