IL MODERNO DEL GENERAL CADORNA

Una canzonetta dell’epoca dei miei nonni, forse di era fascista, suonava:

Il General Cadorna ha scritto alla Regina
se vuoi veder Trieste te la mando in cartolina
!

La Modernità è come la Trieste della canzone: continua a non accadere, e così il laico (ma i laici odierni si predicano “laici”: evviva l’ontologia!).

Non bastava la scienza, né la democrazia, né il “libero pensiero” che rimuove il pensiero come già si faceva prima, benché con mezzi diversi.

A farli accadere, laico e Modernità, ci hanno provato in due, ma si è dovuto e voluto tornare indietro.

Il Medioevo continua: occorre una storiografia che distingua Medioevi diversi, parzialmente confliggenti tra loro.

Queste annotazioni riguardano la medioevale vita personale e quotidiana di ognuno oggi.

Rossella o’Hara – “Non ci voglio pensare oggi, ci penserò domani” – continua a rappresentarci.

Però Rossella resta interessante: il singolo rimane, anche fallito, anche nel peggio, anche nel vandalismo assoluto, l’unica sede autorevole, benché esautorata e autoesautorata, delle dimensioni dell’universo, senza un’epi-stéme ossia une sede sopra-stante.

Con tale sede individuale sono pacificamente e liberamente compatibili delle autorità: la schiavitù moderna viene dall’epi-stéme, non dall’autorità, che è anch’essa una sede individuale, e che è maligna solo quando si fa forte del sopra-stare epi-stemico (o Teoria, qualcosa di diverso e più incrollabile della marxiana Ideologia).

Milano, 17 gennaio 2007

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie