ECCE HOMO, O IL PROFITTO

Domenica 28 gennaio 2007
in anno 150 post Freud natum

 

Ripropongo la lettura della domenica precedente, con un nuovo commento (invito a rileggere i tre precedenti):

S. Freud
Introduzione alla psicoanalisi 27, La traslazione
OSF 8

“[…] ricaviamo un’impressione chiarissima della lotta violenta che si svolge nella vita del paziente […]: è una lotta psichica normale, su un terreno psicologico omogeneo [sottolineature nel testo, ndr], tra i motivi che vogliono mantenere il controinvestimento [ossia antieconomici, ndr] e quelli che sono pronti ad abbandonarlo. I primi sono i vecchi motivi che a suo tempo hanno imposto la rimozione; tra i secondi si trovano quelli sopravvenuti di recente, che si spera decidano il conflitto […]. Siamo riusciti a riaccendere il vecchio conflitto che ha portato alla rimozione, a sottoporre a revisione il processo [sottolineature mie, ndr] a suo tempo concluso. I nuovi argomenti di cui disponiamo sono, in primo luogo, l’ammonimento che la precedente decisione ha condotto alla malattia, e la promessa che una decisione diversa aprirà la strada alla guarigione; in secondo luogo, l’enorme cambiamento avvenuto sotto ogni profilo dai tempi di quel primo rifiuto […]. Possiamo così lusingarci di guidare il conflitto rianimato a un esito migliore di quello della rimozione […]”.

Nuovo commento:

Ecce homo, o il profitto

L’idea di “uomo nuovo”, questa stessa espressione linguistica, ha già fatto sufficienti anzi pletorici danni (“rivoluzionari”): non condanno l’espressione, mi preme il concetto.

Si tratta di poter dire “ecce homo” senza essere cristianucci o chierichetti.

Questo passo di Freud, così come tutto Freud, lo dice, senza… eccetera (rimando a precedenti scritti).

Ecce homo”, ecco il profitto iniziale (o eredità) riscoperto come finale.

C’è un altro profitto: il sapere, e memoria, del conflitto.

Il conflitto lo avremo sempre con noi, in noi e fuori di noi: il sapere della patologia, o del conflitto, è come tale pacifico, paci-fico, produttivo di pace.

Detesto il pacifismo dell’ignoranza del conflitto, produce violenza color confetto (confetto fa rima con conflitto).

L’analisi non finisce bene quando continua a prevalere l’ignoranza del conflitto.

Questo sapere si condensa nella parola “processo”, ma in quanto d’appello.

Milano, 28 gennaio 2007

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.