VENDETTA (TEORIA, PASSIONE, PENSIERO)

La vendetta non è una passione, una spinta ineluttabile ad agire, e per questo legittima anche se produce ulteriore iniquità, ossia non finisce mai.

É la sua differenza dal diritto: questo ha un “punto finale” (H. Kelsen). La patologia non ha punto finale, non guarisce mai in saecula saeculorum (come si verifica sempre).

É la patologia ad avere un programma lungo, non la psicoanalisi: questa si trova a confrontarsi con il programma lungo, anzi infinito, di quella (dunque prudenza a esaltare l’ “infinito”!)

La vendetta è una Teoria in forma tipica di predizione scientifica: il saldo del debito mi soddisferà. Può anche assumere la forma di norma morale (certo non giuridica). Come tutte le Teorie presupposte è un imperativo puro, ossia cieco, arbitrario.

Noi non siamo schiavi delle nostre passioni: siamo schiavi delle nostre Teorie presupposte. Che non sappiamo essere nostre: ecco il significato di “inconscio” come aggettivo, cioè ignoranza e crassa. Non c’è nulla di più comico di un preteso “sapiente” che non sa questo: e infatti i “sapienti” odiano la psicoanalisi.

(So che mi sto “vendicando” di anni passati a occuparmi di “Teoria delle passioni”, tutti quanti).

Le Teorie occupano illegittimamente, come un esercito occupante, il nostro pensiero che è il pacifico potere legittimo.

Peccato che Marx non sia entrato in questo merito (come invece Freud), accontentandosi del debole concetto di “ideologia” (di cui peraltro il nostro mondo è pieno: chi ha detto che le ideologie sono morte?)

Soffriamo e facciamo soffrire Teorie: solo per queste uccidiamo e ci facciamo uccidere, non per passione.

Il perdono non è un pensiero idiota di bontà “gratuita”, che peraltro non funziona mai: non ho mai visto qualcuno perdonare qualcuno. Semmai ritardare un po’ o anche molto (il “piatto freddo”), ossia perdere e far perdere tempo.

Delinquente e vendicatore sono un’associazione per delinquere, un partito trasversale tra opposte trincee. Ma quasi nessuno è curioso di conoscere l’accordo tra le opposte trincee. Che è un’ovvietà.

Se ci fosse perdono, questo consisterebbe non nel togliere il giudizio, ma nell’assorbire la sanzione sul giudizio: che, per esserlo, deve essere pubblico, cioè e solo per questo efficace.

Avete mai visto una passione?, che non si riduca al ridicolo “Mi tira!”, che non designa affatto un desiderio ma l’obbedienza cieca a una Teoria sessuale (deve “tirare”). Quanto siamo obbedienti!

Fatta la distinzione Teoria / passione, vorrei passioni cioè desideri cioè pensiero.

9 ottobre 2006

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.