IL DOPPIO NODO AL PETTINE, E IL PRESIDENTE MAO

In tutte le patologie, e poi in ogni analisi, viene al pettine il doppio nodo:
1° il Padre;
2° l’amore.

Era già venuto al pettine quattordici secoli fa con il Profeta Mohammed, quando costatava che il Cristianesimo si era scompensato proprio su questi due punti:
1° un Padre sempre più oscuro, “grande cuore”, che ama-ama-ama-ama-ama-ama-ama…, cioè un nevrotico ossessivo nel migliore dei casi. Un Dio bestione, scimmione, istintivo benché “alto”;
2° un amore sempre più ridicolizzato come istinto, sia pure distinguendo tra istinto umano finito e istinto divino infinito (Dante fra altri).

Perfino il De Trinitate di Agostino, due secoli  prima, non era soddisfacente sul Padre malgrado i suoi ingenti e inquieti sforzi.

Eppure qualche secolo prima Cristo aveva puntato tutto sul Padre e sull’amore.

Passati due secoli dopo Agostino, il Profeta ha fatto il bilancio e ha concluso:
1° di riportare Dio fuori dal Padre (che se lo è, è perché ha un figlio altrimenti è ridicolo), asserendo un monoteismo puro che, nel mio linguaggio, significa astratto in senso logico. Da molti secoli il Cristianesimo si è appiattito sul monoteismo puro, ossia si è islamizzato: come dare torto agli Islamici?;
2° di ripiegare dall’amore alla misericordia, che non sono affatto la stessa cosa (ma quanti cristiani lo capiscono?, mentre Cristo lo ha asserito con esplicita logica).

É questo doppio nodo a fare la differenza – finché dura – tra Islam e Cristianesimo. Ma soprattutto a decidere tra sano e malato (la religione non mi interessa), perché questa distinzione riguarda l’intelletto.

Le grandi “concezioni del mondo” si riconducono tutte alle nostre questioni personali: almeno questa è una buona notizia. In altre parole: fine della distinzione tra piccolo e grande.

Ecco perché noi cristiani siamo confusi, e non sappiamo se siamo solo dei pre-islamici inconsapevoli.

Di ciò che sto osservando si è ormai impadronito l’umorismo mondiale, anche islamico. Il dubbio religioso di fede nel Cristianesimo è grande, cioè confusione: il dubbio è effettivo e si costata.

Ma qui risponde il maoista che sono stato, poiché Mao scriveva: “Grande è la confusione sotto il cielo: la situazione è dunque eccellente”.

Io “piccolo” psicoanalista sono tale non perché discetto di religione – cui non  sono interessato e Freud neanche, inoltre ripeto che il Cristianesimo non è una religione -, ma perché riporto alla luce il doppio nodo, per credenti di ogni specie e per miscredenti anch’essi di ogni specie, i primi e i secondi intercambiabili. Ambedue hanno una vita quotidiana, un Alltagsleben.

É questo che le religioni non capiscono e non possono capire: passare dalle masse all’individuo cioè alla vita quotidiana.

É questo il principio della moralità: sapere la vita quotidiana. Che non è meno universale di quella di un elettrone, ma con altra universalità.

2 ottobre 2006

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.