ANALISI TERMINABILE E INTERMINABILE

Domenica 29 ottobre 2006
in anno 150 post Freud natum

 

Lettura di:

S. Freud, Analisi terminabile e interminabile, Par. 8, OSF 11

Da tempo ho portato al suo ultimo termine la “castrazione” freudiana:
questa parola designa una soluzione: all’angoscia (proprio quella detta “di castrazione”), e all’inibizione, del pensiero e non anzitutto né solo quella sessuale.

La parola “castrazione” è ben scelta: infatti se è ovvio (ma non a tutti) che non si tratta affatto di togliere via un organo sessuale, è però vero che si tratta  di togliere via una teoria sessuale (è da questa, non dagli atti, che nascono i problemi di morale sessuale fino alla criminalità).

Sarebbe sì corretto pensare alle Teorie sessuali individuate da Freud, ma suggerisco di riferirsi alla Teoria bene individuata da J. Lacan: che ci sarebbero “rapporti sessuali”, ossia una speciale sfera di rapporti in cui troverebbe “espressione” la sessual-ità, parola che invece designa soltanto una delle credenze più fanatiche e tenaci dell’umanità insieme a “istinto” (conviene chiedersi se esisterebbero gli altri fanatismi senza questo).

Non ci sono rapporti “sessuali”: ci sono rapporti – quando ci sono, poco -, entro i quali può trovare posto nella contingenza la non-obiezione al rendere all’altro un servizio ricambiato con onore.

La “sessualità” è un’obiezione stridente in tutto il mondo, in tutti i tempi, in tutte le culture, in tutti gli individui con le loro patologie.

Ai Filosofi di tutti i tempi, a partire da Platone, la castrazione farebbe un gran bene, e di conseguenza agli studenti che vi si imbattono.

Non possiamo immaginare che cosa sarebbe stata la Storia della Filosofia se toccata dalla grazia della castrazione (o dovremmo chiamarla libertà?: ma sono favorevole a considerarle associate).

I sessi riguardano la logica, non la morale. Quando questa lo ignora è immorale.

29 ottobre 2006

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.