NATASCHA

In futuro Natascha dovrà guardarsi dagli “Psico” perché li ha offesi (dico gli “Psico” in senso ampissimo, con l’eccezione, spero, degli psicoanalisti).
Tutti si aspettavano una “povera anima” ferita, una vittima, invece sono rimasti feriti loro nel loro schema di predizioni a comando.
Natascha ha mostrato di avere non anima ma pensiero, cioè di sapere avere cura di sé – è ciò che significa “pensiero” – alle condizioni date, quali che fossero.
L’anima come antico sostituto indifferente del pensiero, anima bella o anima isterica o poveranima, ha già abbastanza ferito miliardi di… anime (anche il Papa ha appena criticato l’indifferenza come “anticristo” cioè come antipensiero: infatti senza il suo pensiero Cristo non esiste).
Comunque si sia svolta la vicenda con il rapitore, questa giovanissima l’ha elaborata come relazione.
Occasione in più per non credere alle sciocchezze del “sesso debole”. Che prima o poi fanno la donna mannara, o Medea (Giasone ha fatto peggio del rapitore di Natascha).
Le auguro successo: cioè di non regredire dal pensiero all’anima. Ciò potrebbe risultarle più difficile degli ultimi otto anni, non in sé ma perché tutto e tutti glielo renderanno difficile.

12 Settembre 2006

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.