NON CREDO IN FREUD

Questo è un ricordo del “lontano” ’68 a Parigi dove ero ammesso a un Seminario psicoanalitico.

A un certo momento uno dei presenti affermò “Sono psicoanalista perché credo in Freud”:
istantaneamente provai una delle mie ribellioni più acute e certe.

La parola “credere” aveva già occupato la mia testa a proposito e soprattutto a sproposito, e quanto a Freud io volevo solo sapere se aveva ragione (ero già orientato in questo senso).

Anni dopo ho anche scoperto che la parola “credere” restava millenariamente oscura:
ho già contribuito a farne un’idea chiara e distinta.

lunedì 11 settembre 2017


Accedi alle statistiche

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi