ORIZZONTE

Sabato-domenica 24-25 giugno 2017
in anno 161 post Freud amicum natum

Il pensiero – di cui parlo da giorni come di un’agenzia illimitata negli atti possibili, salvo limitazione patologica subentrata – non ha orizzonte.

Quest’ultimo, peraltro, non è un limite interno alla percezione visiva, ma deriva dal fatto che la terra è rotonda, così che se si sta fermi non c’è più nulla da vedere dopo la curva.

Se ne poteva inferire che la terra è rotonda, ma la cervice è dura (patologicamente).


Accedi alle statistiche

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi