IMPUTAZIONE PANICO

“L’uomo non è imputabile perché libero, è libero perché imputabile”:
aforisma che ho ricavato da un paragrafo di H. Kelsen.

Le sue implicazioni sono rilevanti:
siamo imputabili di essere suscettibili al panico, e di conseguenza di nuocere (non in-nocenza) per schiacciamento di persone (Torino tre giorni fa),
imputabili delle nostra brave emozioni:
ecco il pensiero, che non piace al non innocente.

mercoledì 7 giugno 2017


Accedi alle statistiche

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi