PER RIPRENDERE

Riprendo da dove si tratta di riprendere sempre a partire dal mattino, dal pensiero, di cui ho appena scritto:
“Il pensiero è la realtà esterna alla realtà esterna al pensiero”
(in vista del Simposio di quest’anno “La civiltà dell’appuntamento”).

É questa la realtà (la psychisce Realität di Freud) senza la quale siamo irrealistici in ogni caso, politica economia società, bombardamenti in Siria, concentrazione della ricchezza in poche mani non più intelligenti di altre.

Siamo tanto stupidi da credere che la realtà sia la prepotenza e la miseria anche psichica, complice dell’altra:
pressoché tutta la storia dell’umanità ha pensato così, non per realismo ma per in-disposizione.

lunedì 3 ottobre 2016

 


Accedi alle statistiche

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi